Società promossa da:



Nuova sezione:
Aggiornamenti di interesse

Il consorzio GAS INTENSIVE


Gas Intensive è il consorzio di otto Associazioni di Categoria confindustriali dei settori gas intensive nato con lo scopo di fornire uno strumento di aggregazione ai Soci per l’acquisto di gas naturale nella prospettiva di un’effettiva liberalizzazione del mercato nazionale.

Il Consorzio Gas Intensive, con oltre 300 aziende consorziate, appartenenti ai settori manifatturieri nazionali dei laterizi, carta, metalli ferrosi e non ferrosi, piastrelle, ceramica, vetro, calce e gesso, è nato nel 2001 e oggi rappresenta potenzialmente il più grande consumatore industriale di gas naturale in Italia.

Prima della contrazione della domanda dell’attuale fase economica, Gas Intensive registrava un consumo di oltre 6 miliardi di metri cubi all’anno (oltre il 7% del consumo nazionale e circa il 30% del consumo industriale). Questi dati rendono Gas Intensive il più autorevole e credibile rappresentante della domanda industriale di gas in Italia.

Ultime notizie

[24 Luglio]

Tagli al solare, cartolarizzazione europea

Tagli “rimodulati” in progressione a seconda delle potenze complessive degli impianti fotovoltaici, con un’opzione aggiuntiva offerta ai gestori dell’energia solare che riprende l’idea di un bond in capo al gse ma con un meccanismo di cartolarizzazione pura affidata ad un “primario operatore finanziario europeo” che potrebbe essere “una banca internazionale o un pool di banche” selezionato dall’AEEG con una gara, evitando tra l’altro il rischio che gli oneri vengano attribuiti al debito pubblico.

continua ››
[24 Luglio]

Privatizzazioni, Padoan battezza l’alleanza con i cinesi sull’energia

Il presidente della Cassa depositi e prestiti (Cdp) Franco Bassanini ha espresso soddisfazione dopo i primi contatti con i cinesi nel viaggio al seguito del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan.

continua ››
[24 Luglio]

Vendita di quote Eni-Enel battaglia sulle soglie Opa

Al Tesoro danno in crescita esponenziale le probabilità di un collocamento sul mercato di nuove quote di Eni ed Enel. Ieri in Commissione industria del Senato, dove è in discussione il decreto competitività, il relatore del provvedimento, Massimo Mucchetti, ha presentato una proposta di modifica della legge sulle Offerte pubbliche di acquisto che rende mobile la soglia dell’Opa, fissando il gradino più basso al 20 per cento.

continua ››
Tutte le news ››